Archivio per la categoria Architettura

C076_SOVRAPPASSO E PARCHEGGIO PECCIOLI

C076_SOVRAPPASSO E PARCHEGGIO PECCIOLI

Il nuovo sovrappasso pedonale per Peccioli, con sbarco previsto in prossimità di Piazza del Carmine, prevederà anche un ampliamento dell’attuale parcheggio in via dei Cappuccini, dal quale partiranno i collegamenti verticali per raggiungere la quota della nuova passerella. Questo nuovo sistema di collegamento permetterà quindi di posteggiare nel parcheggio di via dei Cappuccini, salire in quota attraverso il sistema di risalita e percorrere una passeggiata panoramica fino all’ingresso della città (Piazza del Cermine). Il nuovo parcheggio, nato su gli attuali terrazzamenti, si confronterà con il contesto attraverso un linguaggio che ripropone la dinamicità geometrica delle curve di livello sul quale insiste il parcheggio, andando a schermarlo attraverso un rivestimento sottile appeso. Il prospetto del nuovo parcheggio, caratterizzato da dei listelli troverà tagli ed aperture puntuali regalando scorci sul paesaggio. L’ultimo piano del parcheggio, pensato come nuova spazio eventi, sarà a sua volta collegato attraverso una passerella, con lo spazio ex Cinema Passerotti.
leggi tutto…


Share this:

EX POLO GUIDOTTI

EX POLO GUIDOTTI

Nuovo Polo Didattico San Rossore 1938.
Il progetto per il nuovo polo didattico nell’area ex-Guidotti prende spunto dal contesto cittadino in cui si inserisce. Si articola in tre corpi che variano la loro altezza al fine di accostarsi alla città antica e alla sua articolazione, denunciando all’esterno le destinazioni d’uso degli ambienti interni.
leggi tutto…


Share this:

C111_COMUNE DI FIRENZE_EX CENTRALE TERMICA

C111_COMUNE DI FIRENZE_EX CENTRALE TERMICA

La nuova proposta progettuale, attraverso la ricerca e la valutazione del progetto Definitivo, pone l’attenzione su migliorie estetiche e tecniche attenendosi fedelmente alle invarianti di progetto fissate dal Bando. Il progetto parte dalla volontà di enfatizzare il valore di archeologia industriale, non solo con la conservazione del volume originario, ma anche attraverso elementi architettonici sintetizzati come innesti contemporanei al servizio della struttura.
leggi tutto…


Share this:

C085_ANCONA PARCHEGGIO SAN MARTINO_IN PROGRESS

C085_ANCONA PARCHEGGIO SAN MARTINO_IN PROGRESS

Il rapporto con il contesto di Ancona risulta molto complesso e delicato, da una parte le montagne, dall’altra il mare, passando da un Centro Storico fortemente strutturato e vissuto dalla cittadinanza. Il nuovo progetto si andrà ad inserire in prossimità del Centro Storico su una delle arterie di comunicazione tra la città e il mare. Il nuovo “innesto” architettonico si pone l’obiettivo di riqualificare l’area, oggi degradata, attraverso un linguaggio contemporaneo che sia in sintonia con l’edificato esistente. Il materiale utilizzato sarà il MATTONE, del quale verranno reinterpretati utilizzo e qualità estetica, trasformandolo da massa volumica a rivestimento sottile appeso e semitrasparente. PRESTO ON-LINE PER TUTTE LE INFO.


Share this:

C110_COMUNE DI ANCONA_PIAZZA D’ARMI

C110_COMUNE DI ANCONA_PIAZZA D’ARMI

Un nuovo volto per Piazza D’Armi. Una città di mare ha insito nel suo DNA la necessità di un rapporto immateriale e soprattutto lirico con l’esterno, con ciò che sta al di la dell’orizzonte marino e conseguentemente stabilire uno scambio di conoscenze. Le mercanzie sono state da sempre una fonte inesauribile di conoscenze, di colori e di sapori. Non si può pensare ad una città di porto senza mercato. Il mercato, per sua natura, è appropriazione di uno spazio urbano, è identità di un luogo avente un’atmosfera diversa dal quotidiano, andando a ristabilire un ordine gerarchico tra spazio pubblico e privato. Mercato è una stanza definita da colori, profumi e luce filtrata da tendaggi tesi.
leggi tutto…


Share this:

C086_ITALIAN TRADITION MARKET_IN PROGRESS

C086_ITALIAN TRADITION MARKET_IN PROGRESS

Il filo della storia. Bologna, terra di passaggio e storia, nasconde i resti di un importante memoria storica sotto l’attuale tessuto cittadino, il Teatro Romano di Bologna, costruito nell’88 a.C., considerato come il primo teatro romano costruito in muratura. Le stratificazioni nel tempo lo hanno eclissato, facendolo quasi dimenticare dalla popolazione. Il progetto mira a focalizzare l’attenzione sulle rovine del teatro. L’edificio che ora abbraccia il teatro è composto da 3 piani articolati con percorsi, spazi aperti, spazi chiusi e doppie altezze; l’obiettivo è quello di guidare il flusso dei visitatori in un percorso che conduce alle rovine, dal quale poi si potrà accedere a tutti gli altri spazi del mercato. Il tema della memoria e della stratificazione temporale prende forma nel nuovo layout, trasformandosi in un filo dorato, simbolo di condivisione, purezza e identità, che avvolge tutti gli spazi interni dell’edificio. PRESTO ON-LINE PER TUTTE LE INFO.


Share this: