Ikea

IKEA | CENTRO COMMERCIALE | 2004

SCHEDA PROGETTO | DATI

LUOGO | Sesto Fiorentino, Firenze (FI)

TEMA | Centro commerciale

PROGETTO ARCHITETTONICO | Paolo Di Nardo

COMMITTENTE | Baldassini Tognozzi Spa

IMPORTO LAVORI | Euro Euro 25.822.845

PRESTAZIONI PROFESSIONALI | Progetto di massima, definitivo, esecutivo, DL

DATI DIMENSIONALI | 22.000mq

DESCRIZIONE DEL PROGETTO | MODALITA’ DI INTERVENTO

Il nuovo negozio Ikea realizzato al confine tra i comuni di Sesto Fiorentino e quello di Firenze va sostituire un’area in evidente stato di degrado urbanistico. Le opere di ristrutturazione previste configurano un intervento globale di riqualificazione urbana che oltre a risolvere i degradi specifici restituiscono all’intero tessuto circostante una funzionalità ed una ricomposizione morfologica generale, la nuova struttura di vendita per grande distribuzione con una superficie di 22.000mq si colloca in situazione baricentrica rispetto ai sistemi e sottosistemi territoriali locali. Il centro commerciale Ikea di Sesto Fiorentino, rappresenta un punto di svolta nella filosofia dell’azienda. È il primo in Italia a essere progettato ex-novo sia nella distribuzione funzionale che nella forma architettonica ( i centri Ikea pretendenti nascono dal recupero e ampliamento di edifici esistenti). Questa occasione progettuale ha rappresentato innanzitutto una sfida nel campo della comunicazione. Il nuovo progetto doveva infatti muove dai vincoli dettati dall’immagine aziendale esistente. Colori, materiali, dimensioni erano in gran parte stabiliti dall’azienda. Il progetto è riuscito ad incidere sul marchio Ikea fino al punto di determinare nuove invarianti dell’immagine aziendale. Il rivestimento microforato rivolto verso l’autostrada, un novità per l’azienda, è oggi adottato in tutti i nuovi stabilimenti. Questa pelle lascia intravedere alcune porzioni interne dello stabilimento, e ammicca agli automobilisti attraverso la vibrazione della texture. Il progetto ha cercato inoltre di valorizzare il contrasto cromatico dei colori essenziali rimarcando con la giustapposizione dei volumi semplici e compatti che palesano, inoltre, le differenti zone funzionali. Il prisma giallo, contenente il bar-ristorante risulta leggermente ruotato rispetto al prisma maggiore di colore blu che lo accoglie. La rotazione, oltre ad accentuare il gioco architettonico dell’incastro, è studiata per alleggerire la massa complessiva nella percezione della composizione del suo complesso.

CONDIVISIONE | SOCIAL

Share this:
Share this: