C052 – Impianto di risalita

BELVEDERE SPA | IMPIANTO DI RISALITA PEDONALE | PECCIOLI (PI) | 2017

SCHEMI | DISEGNI TECNICI

SCHEDA PROGETTO | DATI

LUOGO | Peccioli (PI), Italia

TEMA | Impianto di risalita pedonale al centro storico di Peccioli (PI)

PROGETTO ARCHITETTONICO | ARX srl

PROGETTO STRUTTURALE | Ing. Sergio Biagini

PROGETTO IMPIANTISTICO | Per.Ed. Fabrizio Calva

COMMITTENTE | Belvedere Spa

IMPORTO LAVORI | Euro 1.598.600,00

PRESTAZIONI PROFESSIONALI Progetto di fattibilità | Definitivo | Esecutivo

DATI DIMENSIONALI | 138 mt di lunghezza, h. da terra 24 mt

DESCRIZIONE DEL PROGETTO | MODALITA’ DI INTERVENTO

Il concetto di “percorso” non si lega soltanto ad una strutturazione urbana di tipo tradizionale, bensì deve essere ampliata alle infrastrutture pedonali e di supporto come il parcheggio capaci di valorizzare ed enfatizzare il sistema esistente. Il collocamento della passerella aerea in area strategica e di connessione fra la parte bassa della città ed il parcheggio esistente sulla terrazza che è già fermata dell’ascensore esistente, la connota come elemento strutturale di grande importanza. Infatti la passerella diventa proiezione in esterno al centro storico dei flussi interni collegandola in modo diretto e puntuale con quelle parti della città ad oggi escluse dalla vita del centro.Il progetto prevede il superamento e l’attraversamento, grazie ad un “sovrappasso pedonale”, della viabilità carrabile di via Mazzini e via Cavour. Questo si sviluppa, a partire dalla quota di imposta del piano di calpestio di +9,65 ml rintracciata sul percorso pedonale in copertura al parcheggio multi-piano, per una lunghezza complessiva pari a circa 135 ml su un percorso completamente orizzontale. L’accesso a questa è determinato in due punti dai due blocchi di salita verticale (gruppi ascensori); il primo è posizionato in corrispondenza del muro di contenimento posto tra viale Mazzini e via Cavour, mentre il secondo è posto in testa al “sovrappasso pedonale” occupando una porzione di suolo attualmente di pertinenza di un vicino edificio residenziale dando inoltre un nuovo assetto urbano più preciso e di qualità.
La travata scarica il proprio peso sulle tre pile in calcestruzzo armato precedentemente descritte, poste a differenti distanze tra loro: il pilastro S1 ed il pilastro S2 hanno un interasse di 83,27 ml, mentre tra il pilastro S2 ed il pilastro S3 l’interasse è pari a 37,47 ml. Il terzo ed ultimo tratto della passerella (più leggero rispetto agli altri due) è poggiato sulla pila S3 e sulla copertura del parcheggio multipiano.
Il sovrappasso pedonale è composto da moduli in acciaio (di lunghezza variabile) realizzati con travi HEA 200 centinate, giuntate l’una all’altra da dodici profili tubolari di dimensione 139,7×8.8 mm; il modulo è completato da tiranti e puntoni posti sul piano perpendicolare ai profili centinati (realizzati con profili tubolari di dimensione 88.9×4 mm). L’impalcato della travatura è realizzato con travi HEA 240 che corrono longitudinalmente alla struttura e profili trasversali HEA 180 giuntate ai moduli ellittici. L’impalcato è completato da una pavimentazione in moduli di alluminio estruso che conferiscono rigidezza alla struttura. Nei punti di appoggio sulle pile il modulo di forma ellittica di infittisce creando maggiore rigidezza grazie all’inserimento di montanti tubolari verticali sul piano degli ellissi stessi.

CONDIVISIONE | SOCIAL

Share this:
Share this: