Nuova Provincia di Modena

NUOVA PROVINCIA DI MODENA | NPM | 2008

CASERMA EX FANTI | STATO ATTUALE

SCHEDA PROGETTO | DATI

LUOGO | Modena (MO)

TEMA | Restauro conservativo e rifunzionalizzazione ad uso uffici della ex Caserma Fanti di Modena

PROGETTO ARCHITETTONICO | ARX

COLLABORATORI | Guido Quirici, Pierpaolo Rapanà, Filippo Maria Conti

COMMITTENTE | Provincia di Modena

PROGETTO STRUTTURALE | A&I Progetti

PRESTAZIONI PROFESSIONALI | Progetto preliminare, preliminare

DESCRIZIONE DEL PROGETTO | MODALITA’ DI INTERVENTO

Il progetto di riqualificazione e di riorganizzazione funzionale della ex Caserma Fanti per la nuova sede della Provincia di Modena, è un intervento discreto orientato al ripristino del disegno originario del fabbricato principale. Un restauro conservativo implementato attraverso l’eliminazione delle superfetazioni che nel tempo hanno compromesso la funzionalità dell’edificio, e un attento consolidamento strutturale per risanare le lesioni causate da cedimenti o errati interventi di manutenzione. Particolare attenzione è stata dedicata al rapporto con la città, sia sotto il profilo percettivo -mediante la scelta di materiali e trame che proiettano l’ambiente urbano e il sistema del verde nella corte e negli spazi di distribuzione- che sotto quello funzionale, ponendo l’accento sull’impianto a corte e creando occasioni di permeabilità attraverso percorsi pedonali e carrabili che restituiscono l’organismo edilizio alla città. Ad esigenze artistico-architettoniche si affiancano senza soluzione di continuità esigenze prettamente funzionali, volte alla creazione di un moderno polo direzionale capace di risolvere tanto le necessità di un pubblico esterno –bisognoso di un’accessibilità “comoda” e rapida, quanto quelle del personale addetto. Lo studio attento dei collegamenti verticali ed orizzontali, e la partizione interna condizionata dal posizionamento delle aperture esterne, hanno dato luogo allo schema funzionale di progetto. Questo stesso atteggiamento, basato sul risanamento conservativo e sul restauro funzionale, è stato adottato anche nell’analisi strutturale del fabbricato. Per evitare interventi spesso invasivi in fase di consolidamento si sono allineate verticalmente tutte le interruzioni di muratura, in perfetta sintonia con la logica del Miglioramento Sismico.
L’auditorium di nuova edificazione è collocato nel cortile a livello interrato, e diviene -con la sua copertura inclinata- parte integrante del progetto oltre che cerniera fra il nuovo complesso della Provincia di Modena e la città stessa. Le sale conferenze ipogee consentono di realizzare ottime soluzioni sia acustiche che illuminotecniche, in quanto non risentono di contaminazioni esterne come la luce naturale. L’auditorium si inserisce nel contesto come presenza silenziosa e per niente invasiva, pur senza rinunciare agli aspetti funzionali e ad una buona accessibilità: il nuovo, quasi invisibile, crea forte compatibilità con il vecchio, restituendone carica espressiva.

CONDIVISIONE | SOCIAL

Share this:
Share this: