CASA FDN

CASA FDN

Il progetto prevede l’accorpamento di due unità immobiliari e una riorganizzazione della distribuzione interna, creando un ambiente più luminoso, areato e confortevole. Sono state inoltre realizzate piccole opere murarie al fine di creare spazi funzionali con dimensioni utili all’inserimento di arredi fissi per l’angolo cottura. leggi tutto…


Share this:

C052 – Impianto di risalita

C052 – Impianto di risalita

Il concetto di “percorso” non si lega soltanto ad una strutturazione urbana di tipo tradizionale, bensì deve essere ampliata alle infrastrutture pedonali e di supporto come il parcheggio capaci di valorizzare ed enfatizzare il sistema esistente. Il collocamento della passerella aerea in area strategica e di connessione fra la parte bassa della città ed il parcheggio esistente sulla terrazza che è già fermata dell’ascensore esistente, la connota come elemento strutturale di grande importanza.
leggi tutto…


Share this:

Tonalite Spa – Uffici e showroom

Tonalite Spa – Uffici e showroom

Il progetto di interni per i nuovi uffici commerciali, direzionali e per il nuovo showroom per Tonalite Spa prevede uno spazio a-materico dove la prevalenza dei colori chiari e l’assenza di texture contraddistingue l’ambiente interno. PRESTO ON-LINE PER TUTTE LE INFO.


Share this:

Piazza Alberti

Piazza Alberti

L’occasione progettuale di ridisegno di Piazza Alberti a Firenze diventa lo spunto per sperimentare in scala architettonica e urbana il rapporto con la storia e risolvere in maniera equilibrata la relazione con i linguaggi presenti nel contesto. L’edificio parcheggio non deve essere un inevitabile leggi tutto…


Share this:

NOSM – Nuovo Ospedale Stella Maris

NOSM – Nuovo Ospedale Stella Maris

L’organizzazione architettonica del nuovo progetto Stella Maris deriva dalla sintesi del “triangolo” come elemento generatore del sistema ospedaliero al fine di ottimizzarne il funzionamento e dal concetto di “tenda” come contenitore di una “casa famiglia”. La forma con tre bracci permette di ottimizzare le distribuzioni interne attraverso un nucleo centrale di smistamento e di dare una forma allungata e non impattante al sistema ospedaliero. Un’architettura “non statica”, ma dinamica per la forma e per le finiture esterne come il vetro che cinge linearmente i corpi allungati e le “palpebre” di ETFE bianco. Lo scopo è quello di creare uno spazio “buffer” tra la facciata in vetro “double glazed” e la “pelle esterna”, in modo da garantire il massimo controllo igrotermico dell’edificio. La scelta di questo tipo di linguaggio permette di non dare all’architettura l’ immagine di un classico ospedale, ma come un’architettura che come una tenda accoglie le persone. PRESTO ON-LINE PER TUTTE LE INFO.


Share this:

Polimoda

Polimoda

Il progetto del Nuovo Centro per l’Alta Moda nel Comune di Scandicci fa parte di un PIUSS approvato e finanziato dalla Regione Toscana. La tipologia scolastica per una didattica speciale, come un centro per l’Alta Moda, presuppone una ricerca attenta degli spazi leggi tutto…


Share this: