ARX-Logo-Bianco
ARX-Logo-Bianco

menu

chiudi

Cesare Beccaria park

Parcheggio interrato

chiudi

Luogo
Firenze, Italia
Cliente
C.F.S, G.S.T., Firenze Parcheggi spa
Anno
2002
Dimensioni
9.013,22 mq
Importo lavori
€ 7.000.000,00
Incarico
Progetto di massima, definitivo, esecutivo
Squadra:
Progetto architettonico
Arx srl
Progetto strutturale
Prof. Ing. Baroni
Progetto impiantistico
Ing. Terrosi
Crediti
Davide Ferrera

L’Area di Piazza Beccaria si configura come spazio ellittico centrale la cui percezione è subordinata alla percezione dinamica, a causa dell’intensa circolazione veicolare. L’area dell’Archivio di Stato appare travolta dal traffico dei viali, perdendo un’identità. La modalità operativa che ha guidato il progetto nelle due aree è stata differente, legata alle preesistenze architettoniche che inquadrano i due parcheggi, e alle funzioni che sono loro proprie, ma orientata verso la ricerca di percorsi e percezioni che ricucissero la cesura fra i due luoghi, per un’identità comune. Nell’area di Piazza Beccaria si tratta di un intervento “mimetico”, rispettoso del contesto formale, che ha l’intento di ampliare l’area verde e pedonale, liberandola della sosta superficiale. Cercando di riproporre ed ampliare lo spazio in piazza del Poggi, si è enfatizzato l’ellisse che si ripete nel disegno degli edifici della piazza. Il parcheggio interrato adiacente all’Archivio di Stato denuncia la sua presenza attraverso una lama di vetro che sembra uscire dal terreno diventando nella notte un elemento urbano luminoso.

chiudi

WIN

2023 – I PREMIO

ARX si aggiudica il primo premio per l’affidamento dell’appalto integrato avente ad oggetto la progettazione definitiva, esecutiva, il coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione e la realizzazione dei lavori della nuova Casa Comunale nel Comune di San Cascino in Val di Pesa, insieme a Consorzio GST Appalti e Costruzioni.

Il progetto prevede la realizzazione del nuovo palazzo comunale in soprelevazione del parcheggio denominato “Ex Stianti”, il quale ingloberà una serie di servizi attualmente collocati in sedi separate e quindi è l’occasione per un generale riordino delle attività comunali. Il palazzo, che occuperà una superficie edificabile di 1800 mq, sarà quindi da realizzare in elevazione di 3 livelli, dal piano di copertura dell’ala nord est dell’attuale edificio destinato a parcheggio pubblico con accesso dal viale Terracini e a lato del muro di contenimento di viale Corsini.[…]


chiudi

WIN

2023 – I PREMIO

ARX si aggiudica il primo premio per la progettazione definitiva ed esecutiva della nuova Casa Comunale nel Comune di San Casciano in Val di Pesa […]

https://www.arxnet.net/win/CasaComunale

chiudi

San Rossore 1938

Nuovo polo didattico dell’Università di Pisa

chiudi

Luogo
Pisa, Italia
Cliente
Università di Pisa
Anno
2020
Dimensioni
3.355 mq
Importo lavori
€ 5.573.071,08
Incarico
Preliminare, definitivo, esecutivo, direzione artistica
Squadra:
 
Progetto architettonico
Arx srl, Diener & Diener Architekten, H21
Progetto strutturale
Aei progetti srl
Progetto impiantistico
Obermeyer Planen + Beraten
Crediti
Andrea Testi, Alessandro Gonnelli

Il progetto per il nuovo polo didattico nell’area ex-Guidotti prende spunto dal contesto cittadino in cui si inserisce. Esso si sviluppa in tre corpi, i quali, differenziandosi in altezza, vanno ad accostarsi alla città antica e alla sua articolazione, denunciando all’esterno le destinazioni d’uso degli ambienti interni. Il vestibolo diviene il punto d’eccellenza per la collocazione di un “evento” architettonico, svolgendo la funzione di passaggio tra città e giardino interno al polo didattico. Inoltre, il vestibolo acquisisce il carattere di luogo chiuso e aperto al contempo proprio grazie ad una copertura costituita di piccole vele triangolari gonfiate dal vento, le quali conferiscono luminosità e senso di apertura. Attraverso la corte interna, il nuovo polo didattico si avvarrà di un duplice vantaggio: da un lato, offrire una piacevole area munita di percorsi ergonomici per la sosta e la permanenza degli studenti, dall’altro godere di una risorsa bioclimatica che concorra all’equilibrio termico degli ambienti interni.