ARX-Logo-Bianco
ARX-Logo-Bianco

menu

chiudi

Reverso

Collezione Boffetto

chiudi

Luogo
Milano, Italia
Cliente
Boffetto srl
Anno
2019
Dimensioni
nd
Importo lavori
nd
Incarico
Sviluppo prodotto
Squadra:
 
Design
Arx srl
Crediti
Archivio Arx

Alla base della collezione, un concept innovativo all’insegna della flessibilità e in continua evoluzione. Il senso di un componente d’arredo risiede nella volontà di considerarlo elemento variabile e dinamico nell’uso quotidiano. La parola latina REVERSO significa infatti “rovesciare”, dichiarando già un effetto dinamico dell’elemento d’arredo. La collezione, composta da un tavolo e da una libreria, permette al fruitore di scegliere l’uso più idoneo. La flessibilità d’uso di questi complementi si trova anche nei materiali, dimostrando il ruolo importante del fruitore come soggetto attivo nella definizione estetica: acciaio verniciato, acciaio cromato, ceramica, legno, specchio. Il tavolo, tramite una rotazione lungo il proprio asse costruttivo, permette di avere un piano di appoggio oppure una specchiera d’arredo. Il Tavolo Reverso presenta un piano opaco che con il suo opposto in specchio conferiscono dinamicità all’oggetto apparentemente statico. La Libreria Reverso si compone di elementi fissi e dinamici che consentono varie composizioni della libreria coniugando materiali in contrasto fra loro.

chiudi

San Rossore 1938

Nuovo polo didattico dell’Università di Pisa

chiudi

Luogo
Pisa, Italia
Cliente
Università di Pisa
Anno
2020
Dimensioni
3.355 mq
Importo lavori
€ 5.573.071,08
Incarico
Preliminare, definitivo, esecutivo, direzione artistica
Squadra:
 
Progetto architettonico
Arx srl, Diener & Diener Architekten, H21
Progetto strutturale
Aei progetti srl
Progetto impiantistico
Obermeyer Planen + Beraten
Crediti
Andrea Testi, Alessandro Gonnelli

Il progetto per il nuovo polo didattico nell'area ex-Guidotti prende spunto dal contesto cittadino in cui si inserisce. Esso si sviluppa in tre corpi, i quali, differenziandosi in altezza, vanno ad accostarsi alla città antica e alla sua articolazione, denunciando all'esterno le destinazioni d'uso degli ambienti interni. Il vestibolo diviene il punto d'eccellenza per la collocazione di un "evento" architettonico, svolgendo la funzione di passaggio tra città e giardino interno al polo didattico. Inoltre, il vestibolo acquisisce il carattere di luogo chiuso e aperto al contempo proprio grazie ad una copertura costituita di piccole vele triangolari gonfiate dal vento, le quali conferiscono luminosità e senso di apertura. Attraverso la corte interna, il nuovo polo didattico si avvarrà di un duplice vantaggio: da un lato, offrire una piacevole area munita di percorsi ergonomici per la sosta e la permanenza degli studenti, dall'altro godere di una risorsa bioclimatica che concorra all'equilibrio termico degli ambienti interni.