ARX-Logo-Bianco
ARX-Logo-Bianco

menu

chiudi

Val d’Elsa 100

Parcheggio interrato

chiudi

Luogo
Colle di Val d’Elsa – Si, Italia
Cliente
Colle Promozione
Anno
2004
Dimensioni
3.635 mq
Importo lavori
€ 3.500.000,00
Incarico
Progetto di massima, definitivo, esecutivo
Squadra:
Progetto architettonico
Arx srl, Tommaso Bertini, Duccio Santini, Marcello Taddei
Crediti
Archivio Arx

Il progetto del parcheggio di Colle Val D’elsa è un vero esercizio di fantasia. La funzione parcheggio sposta la forma circolare del Torrione di Colle Alta, l’obelisco sovrastante si trasforma in albero, la vegetazione che lo ricopre diventa manto erboso. Questo fronte di Colle dà come le spalle al contesto; la scelta è stata quella di non nascondere il parcheggio ma ergerlo ad architettura, definendo una nuova parte della città. Ecco l’espediente della citazione architettonica del bastione che per forma e funzione si pone come elemento riconoscibile di questa parte di Colle. Lo stesso “scambio” fra l’obelisco e l’albero sottintende una ricerca tecnico funzionale di areazione naturale capace di rendere gradevole il parcheggiare e abbattere notevolmente i costi impiantistici di areazione forzata. Il mantenimento del “rifiuto” da parte della Città Storica nei confronti di ciò che è esterno è stata un’informazione preziosa; il volume costruito è invisibile all’osservatore dal centro storico. La morbida forma del parcheggio emerge dal terreno solo in una porzione di fondo valle, attraverso una familiare cortina in mattoni faccia a vista.

chiudi

San Rossore 1938

Nuovo polo didattico dell’Università di Pisa

chiudi

Luogo
Pisa, Italia
Cliente
Università di Pisa
Anno
2020
Dimensioni
3.355 mq
Importo lavori
€ 5.573.071,08
Incarico
Preliminare, definitivo, esecutivo, direzione artistica
Squadra:
 
Progetto architettonico
Arx srl, Diener & Diener Architekten, H21
Progetto strutturale
Aei progetti srl
Progetto impiantistico
Obermeyer Planen + Beraten
Crediti
Andrea Testi, Alessandro Gonnelli

Il progetto per il nuovo polo didattico nell'area ex-Guidotti prende spunto dal contesto cittadino in cui si inserisce. Esso si sviluppa in tre corpi, i quali, differenziandosi in altezza, vanno ad accostarsi alla città antica e alla sua articolazione, denunciando all'esterno le destinazioni d'uso degli ambienti interni. Il vestibolo diviene il punto d'eccellenza per la collocazione di un "evento" architettonico, svolgendo la funzione di passaggio tra città e giardino interno al polo didattico. Inoltre, il vestibolo acquisisce il carattere di luogo chiuso e aperto al contempo proprio grazie ad una copertura costituita di piccole vele triangolari gonfiate dal vento, le quali conferiscono luminosità e senso di apertura. Attraverso la corte interna, il nuovo polo didattico si avvarrà di un duplice vantaggio: da un lato, offrire una piacevole area munita di percorsi ergonomici per la sosta e la permanenza degli studenti, dall'altro godere di una risorsa bioclimatica che concorra all'equilibrio termico degli ambienti interni.